Anidride carbonica calda e indigeribile

Lo scorso luglio, la concentrazione di CO2 nell'atmosfera era di 408 ppm. Negli ultimi 400 milioni di anni, una concentrazione di CO2 di 300 ppm è stata considerata elevata. Pertanto, l'elevata concentrazione di CO2 che stiamo vivendo non è mai stata raggiunta nell'ultimo mezzo miliardo di anni. Questo aumento avrà sicuramente un impatto sul modo in cui le piante cresceranno nei prossimi decenni.

Storia della concentrazione di CO2 atmosferica della Terra © Wikimedia commons

Le piante sono davvero felici di avere più CO2 disponibile nell'atmosfera, più CO2 significa più cibo. La CO2 è il componente base delle piante ed è in realtà la base di tutte le molecole biologiche. Attraverso la fotosintesi, le piante sono in grado di catturare il carbonio dalla CO2 e di inserirlo in catene di carbonio note anche come carboidrati o zucchero.

L'aumento della CO2 dovrebbe aumentare il tasso di fotosintesi e quindi migliorare la crescita della vegetazione globale. Questo inverdimento della Terra potrebbe potenzialmente mitigare i cambiamenti climatici eliminando il carbonio dall'atmosfera e immagazzinandolo negli alberi. Vari modelli hanno predetto che la Terra diventerà più verde nelle aree fredde, specialmente nelle regioni montuose. Tuttavia, anche se la CO2 è più abbondante per far crescere le piante, la scarsità d'acqua e la carenza di nutrienti nel suolo possono limitare la crescita delle piante.

Il cambiamento climatico ha altri componenti che potrebbero compromettere la crescita delle piante in futuro. Il riscaldamento globale derivante dall'aumento del livello di CO2 ridurrà la crescita delle piante.

L'enzima che consente alle piante di immettere carbonio dalla CO2 nelle catene di carbonio si chiama RubisCO. Questo enzima diventa meno efficiente alle alte temperature perché fissa l'ossigeno invece del carbonio. Quindi la pianta inizia a fare fotorespirazione che è completamente inutile per la fissazione del carbonio. È una specie di procrastinazione enzimatica che spreca energia e diminuisce la sintesi di zucchero. Il riscaldamento globale e la fotorespirazione possono ridurre seriamente la capacità delle piante di immagazzinare carbonio e mitigare i cambiamenti climatici.

Non è ancora noto quale fattore avrà la maggiore importanza nei processi di inverdimento della Terra: le piante cresceranno più velocemente e fisseranno più carbonio o rallenteranno la crescita a causa del riscaldamento globale?

Un'altra conseguenza dell'aumento di CO2 è l'alterazione del cibo che coltiviamo. In un'atmosfera arricchita di CO2, la pianta ha un accesso più facile al carbonio rispetto all'azoto, quindi immagazzina più carbonio come amido e zuccheri. Per questo motivo, il cibo sarà più ricco di energia ma più povero di micronutrienti.

In un articolo pubblicato su Nature nel 2014, Samuel Myers e il suo team hanno avvertito della diminuzione dei micronutrienti nelle colture di base comuni coltivate in un'atmosfera arricchita di CO2. Ha riferito che grano, riso, soia e piselli coltivati ​​in tali condizioni hanno livelli più bassi di ferro e zinco. Questi due minerali sono già spesso carenti nella nostra dieta e un'ulteriore riduzione potrebbe davvero minacciare la salute di milioni di persone, specialmente nei quartieri poveri. La carenza di ferro crea anemia mentre la carenza di zinco danneggia il sistema immunitario. Oggi, molti altri studi sono stati pubblicati avvertendo della diminuzione di vitamine e minerali delle colture coltivate in atmosfera arricchita di CO2.

Foto di Lidya Nada su Unsplash

Lo scenario migliore per l'umanità sarebbe quello di ridurre le emissioni di gas serra e pregare per il rallentamento del meccanismo di cambiamento climatico che abbiamo messo in atto. Le persone dovrebbero smettere di consumare beni inutili e di sprecare cibo o energia. Le imprese dovrebbero raccogliere risorse naturali e produrre beni in modo sostenibile. Non credo che saremo in grado di farlo in tempo. Troppe persone vogliono un'auto e l'ultimo smartphone o laptop rilasciato. Troppe aziende si concentrano sul realizzare il massimo profitto monetario senza preoccuparsi troppo del loro impatto ambientale e sociale. Alcune organizzazioni stanno mettendo in discussione l'attuale sistema consumistico, movimenti come il freeganismo e il movimento di decrescita sembrano promettenti, tuttavia raccolgono ancora una minoranza di persone.

Miliardi di cinesi e indiani vogliono godersi l'economia di mercato, acquistare vari beni e uscire dalla povertà. Milioni di persone nei paesi sviluppati hanno una grande impronta ambientale e non sono pronte a lasciare il proprio conforto per ridurlo.

Immagino che le imprese continueranno come al solito e il livello di CO2 nell'atmosfera continuerà a salire e ad amplificare gli effetti disastrosi del cambiamento climatico. Le persone provenienti da luoghi remoti poveri soffriranno probabilmente di innalzamento del mare ed eventi meteorologici estremi. Immagino anche che i ricchi saranno in grado di evitare le conseguenze dei cambiamenti climatici. Compreranno cibo ricco di nutrienti, avranno una casa climatizzata in cima a una collina e godranno la vita mentre guardano le notizie in TV. Un futuro luminoso non è vero? Voglio dire se te lo puoi permettere.