Un contadino parla

Alcuni mesi fa ho avuto Tamar Haspel come ospite su EconTalk. Mi piace molto il suo lavoro: capisce i compromessi e i costi molto bene, il che è raro soprattutto tra i non economisti. Ho imparato molto dalla nostra conversazione - puoi ascoltare qui:

Un ascoltatore ha fatto eccezione alle sue osservazioni sul benessere degli animali e sull'uso di fertilizzanti. Non c'è modo di sapere se la sua esperienza personale è rappresentativa della maggior parte o di tutti gli agricoltori o se le sue percezioni sono accurate. Ma penso che valga la pena prendere in considerazione le sue opinioni e che gli atteggiamenti a cui sta reagendo siano diffusi e probabilmente potrebbero beneficiare di un po 'più di sfumature. Ha rifiutato l'opportunità di apparire come ospite su EconTalk ma ha accettato di farmi dare la sua risposta qui. Ho anche invitato Tamar Haspel a rispondere. La sua risposta segue in fondo.

Un contadino parla:

Sono un fan di Econtalk e ascolto spesso. Sono un produttore di carne bovina nel sud-ovest del Missouri. So che non sei un agricoltore e apprezzo che occasionalmente fai alcuni episodi sull'agricoltura e sulla produzione alimentare.
Sembra che la maggior parte dei tuoi ospiti su questo tema tendano ad essere dal lato biologico e abbiano problemi con l'agricoltura convenzionale, soprattutto per quanto riguarda il benessere degli animali. Va bene come è il tuo spettacolo e so che gli ospiti possono avere qualsiasi opinione preferiscano.
Ciò che ha spinto questa e-mail sono state le osservazioni della sig.ra Haspel su come rendere felice il tuo bestiame e su come dobbiamo fare un lavoro migliore. Questa non è un'opinione isolata e, francamente, è un assalto molto offensivo al carattere di coloro che producono gli animali da carne in questo paese.
Non sono immune alla bella sensazione che si prova quando si vedono animali che vivono nella zona circostante correndo. Supporre, come estraneo, che tu sappia cosa è meglio per l'animale della persona che se ne prende cura ogni giorno è piuttosto arrogante. Come tutti i produttori, passo la maggior parte del mio tempo a vedere che gli animali non sono stressati o doloranti.
Per quanto riguarda la produzione di pollo, sicuramente ci sono molti polli in casa. Ho vicini e amici che allevano galline e polli da carne. Il mio vicino che alleva uova si trova nel mercato "senza gabbia", il che significa che gli uccelli possono essere nella stalla con le cassette di deposizione o possono avventurarsi fuori, ovunque preferiscano. Ciò che le persone lontane dalle fattorie non sanno è che i polli scelgono di trascorrere essenzialmente tutto il loro tempo all'interno della casa dove c'è un sistema di raffreddamento avanzato e un ampio nutrimento e acqua pulita proprio di fronte ai loro becchi. Dopotutto, un uccello senza stress depone la maggior parte delle uova.
Un'altra cosa che è stata menzionata in questo podcast è stata il problema del deflusso dei fertilizzanti. La signora Haspel fa sembrare che gli agricoltori stiano versando fertilizzanti sul campo volenti o nolenti. Posso assicurarti che non è così, poiché il fertilizzante è molto costoso. Esistono incredibili tecnologie emergenti per ottimizzare l'applicazione dei nutrienti e gli spandiconcime che diffondono più o meno prodotti sulla base di campioni di terreno. Per quanto riguarda le soluzioni, penso che il metodo del contenzioso per limitare il deflusso dei fertilizzanti sia una pendenza molto scivolosa, specialmente con la tendenza di danni punitivi assurdamente elevati che sembrano essere la norma negli ultimi tempi. Una di queste cause metterebbe molti produttori fuori dal mercato, il che porterebbe a più "aziende agricole" che potrebbero essere più in grado di affrontare il rischio di contenzioso. "L'agricoltura aziendale" sembra essere disprezzata dalle stesse persone che pensano di sapere cosa è meglio per il nostro stock.
Il mio obiettivo non è quello di esprimere la rabbia per ciò che è stato discusso, poiché ascolto il podcast per ascoltare opinioni di molti tipi diversi di persone su molti argomenti diversi. Vorrei solo incoraggiarvi, quando discutiamo di agricoltura, a trovare un ospite che abbia trascorso molto tempo attorno a coloro il cui sostentamento dipende dal benessere e dalla "felicità" di bovini, polli e maiali. Qualcuno che ha conoscenza di come trascorriamo i nostri giorni mantenendoli nelle migliori condizioni possibili mentre guadagniamo da vivere noi stessi.

Tamar Haspel risponde:

Grazie per la tua lettera e per aver sollevato alcuni punti eccellenti che vale la pena discutere.
Ho la tua frustrazione; Conosco molti agricoltori che lo condividono. E in un'atmosfera in cui le critiche nei confronti degli agricoltori sembrano provenire da molti quartieri - compresi i quartieri molto lontani dalla fattoria - penso che sia giustificato. Ho sentito molte critiche che ritengo irragionevoli e poco informate, e faccio del mio meglio per non essere quel critico.
Se avessimo avuto più tempo sul podcast per approfondire un po 'gli argomenti che menzioni, penso che vedresti che sono d'accordo con te molto più di quanto non sia d'accordo. Ti metti in discussione due cose che ho citato: benessere degli animali e scarsità di nutrienti - e vorrei cogliere l'occasione per fare un po 'di quello scavo più profondo.
Esistono enormi variazioni nel modo in cui il bestiame viene allevato in questo paese e penso che i bovini da carne abbiano spesso una buona vita. Il problema sta generalmente finendo e, mentre ci sono certamente feedlot in cui le condizioni sono cattive, ci sono anche feedlot in cui le condizioni sono eccellenti. Ne ho parlato a lungo con Temple Grandin e ho scritto un pezzo che include il risultato di quel discorso.
Sono molto più preoccupato per i maiali e le galline ovaiole, due animali che vivono spesso in condizioni che mi turbano. L'operazione senza gabbia che descrivi è esattamente la direzione in cui mi piacerebbe vedere entrare l'industria delle uova. Anche se non abbiamo grandi strumenti per valutare il benessere degli animali, non posso fare affidamento sull'idea che tenere una gallina, per tutta la sua vita, in una gabbia dove non può estendere le ali va bene.
Sicuramente capisco che gli animali spesso scelgono di rimanere dove è caldo e asciutto e che sono disponibili cibo e acqua. Ma a volte scelgono anche di uscire al sole e fare ciò che fanno gli animali. Io e mio marito alleviamo una varietà di bestiame. Anche se non equiparerei in alcun modo il mantenimento di alcuni animali nel cortile al lavoro di allevarli per vivere, non posso immaginare di scrivere sul benessere degli animali senza almeno una certa esperienza degli animali in questione. Le mie galline scappano non appena apro la porta alla loro corsa - o l'hanno fatto, fino a quando una famiglia di volpi si è trasferita e ha posto fine ai loro modi liberi, una lezione sul compromesso tra libertà e sicurezza . (Se non ho esaurito il tuo interesse, ho anche scritto su come andiamo a valutare il benessere del pollo e quanto penso sia importante.)
Ho una preoccupazione simile per i maiali. Mentre parliamo, ne ho tre che si aggirano in una penna nel bosco della nostra proprietà e cerco di dedicare del tempo a conoscerli (questo è il nostro secondo gruppo). Come tutti i maiali, radicano, nidificano e sguazzano - tutto ciò che non possono fare in stalle con pavimenti a doghe e materiale da lettiera limitato. Possiamo dire con certezza che un maiale ha negato quelle cose è infelice? No, non possiamo. Ma ci sono segni - come la loro propensione a rosicchiare le code degli altri - che forse manca qualcosa per loro. Penso che ci siano operazioni di confinamento che danno ai suini un ambiente in cui possano esprimere quei comportamenti, e non penso che sia un grande salto, o un irragionevole ragionamento antropomorfo, credere che un maiale, data la scelta, sceglierebbe uno dei loro.
E ora, sul deflusso dei nutrienti. Naturalmente gli agricoltori non concimano volenti o nolenti, ma gli agricoltori con cui parlo (e leggo) sull'argomento hanno detto che l'azoto, in particolare, è un'assicurazione delle colture a buon mercato. Quando una mancanza di N può ridurre i raccolti, ma l'unico costo di un eccesso è il costo del fertilizzante stesso, spesso ha molto più senso economico sbagliare dal lato di più. Citi strumenti di precisione e sono sorpreso dalle capacità di alcuni di essi. I dati che ho visto in adozione, tuttavia, indicano che non sono ancora molto diffusi e a volte sono una vendita difficile perché, se i soli risparmi in dollari sono input ridotti, potrebbero non pagare mai per se stessi.
Lo stato dell'acqua nel lago Erie, fuori da Des Moines, nel bacino del Neuse nella Carolina del Nord e nel Golfo del Messico è una prova convincente che l'eccessiva fertilizzazione è un problema; Non conosco nessuno che lo contesti. La domanda, almeno per me, è come la limitiamo. Quando è costoso implementare un'agricoltura di precisione e i benefici si aggiungono alla società, ma non all'agricoltore in particolare, penso che la società debba avere un modo per contribuire all'acquisto.
Ci scusiamo per la lunga risposta qui - è perché penso che questa roba sia importante. Aggiungerò solo che, sebbene io coltivo (mio marito ha un'operazione commerciale di ostriche), posso solo capire altri tipi di allevamenti ascoltando gli agricoltori. Cerco con forza di assicurarmi di comprendere, nella misura in cui un estraneo può, le pressioni e le esigenze (anche, i benefici e le soddisfazioni) dell'agricoltura prima di scriverne. Se sbaglio, voglio sapere. La cosa migliore che tu, come agricoltore, puoi fare per cambiare quella che penso sia una conversazione pubblica improduttiva e polarizzata sull'agricoltura, è esattamente ciò che hai fatto: parlare.
Quindi grazie.
Migliore,
Tamar

Voglio ringraziare il mio ascoltatore contadino e Tamar Haspel per i loro pensieri. Ai lettori interessati potrebbe piacere anche l'ottimo documentario di John Papola che affronta questi problemi.